Collaboratori
Contatti
Approfondimenti
Personaggi
Poesie
Murales
Dialetto
Forum
Webcam
Immagini
Video
Home
   

Torna Indietro   Abriga.it il giornale quotidiano online di Aprica e della provincia di Sondrio > Forum liberi > Degne di nota

Degne di nota La notizia in tempo reale....... o quasi

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 15-02-14, 08:54   #1
Abriga.it
Collaboratori
 
Data Registrazione: 19-05-05
Messaggi: 5.781
Predefinito "Essere è niente. Essere è farsi"

«Essere è niente. Essere è farsi». Non conta o, meglio, non si può essere soltanto e semplicemente, perché l’io univoco non c’è o non lo abbiamo trovato. Essere, invece, è farsi come gli altri ci vogliono, indossare ogni volta una maschera diversa a seconda di chi si ha davanti, perché l’essere coincide perfettamente con ciò che gli altri vogliono vedere. In sostanza, “Come tu mi vuoi”, titolo dello spettacolo tratto dal testo di Luigi Pirandello portato sul palco del teatro Mignon di Tirano martedì sera.
Il tema pirandelliano della ricerca dell’identità è più che mai sondato in questa commedia che, ieri come oggi, risulta attuale. E se è un’attrice come Lucrezia Lante Della Rovere ad interpretare la protagonista Emma-Lucia il richiamo del pubblico non poteva che essere scontato. Non una poltrona libera e applausi scroscianti per lei. E per i “puristi” del teatro – quelli che partono prevenuti quando sul palco c’è un’attrice più cinematografica che teatrale – una bella sorpresa: Lucrezia è brava, oltre che bella. Bella da tenere con il fiato sospeso nella prima parte quando interpreta una ballerina spregiudicata, mantenuta da un vizioso scrittore, che intrattiene i clienti in un locale di Berlino, ma anche brava nel rendere la trasgressione e nel tenere alto il ritmo fra ubriacatura, sensualità e lesbismo. Ancora brava nella seconda parte quando diventa la “sostituta” moglie di un borghese italiano Bruno che, con il ritrovamento della consorte, tutela anche i suoi interessi patrimoniali, ed infine donna emancipata «e sola» alla ricerca della propria libertà.
Ma se il primo atto è sicuramente dinamico, caratterizzato dalle luci di cabaret, il secondo risulta più lento e legnoso con una chiusura più debole rispetto all’inizio.
«Io voglio essere “una” da molto tempo, una un po’ per me», dice Emma e allora «voglio scappare da me stessa e riprendermi la mia vita. Ma quale?». Appunto non ce n’è una e così, come fosse un burattino, sono gli altri a vestirla di nuovi abiti e metaforicamente di una nuova identità. Una vestizione che avviene nel frastuono e nella concitazione di ciò che è intorno al «corpo senza nome» e quasi senza volontà, che viene preso da qualcuno, ovvero il presunto marito Bruno, e dai parenti che continuamente e in maniera ossessiva la venerano, la abbracciano, le dicono: «Sei la mia Cia» (Lucia). Ma è solo un inganno, inganno per sé e inganno per gli altri. Una «demente» che potrebbe essere veramente Lucia – rappresentata da una carrozzella vuota – scardina tutte le congetture. E in questo intrico di incertezze, si smembra pure il concetto di famiglia ritratto nei “quadri umani” che alternativamente gli attori contribuiscono a comporre e scomporre con una scelta registica efficace. Insomma chi è Lucia? «Voi dovete dubitare di me. Non solo, io devo dubitare di me stessa».
Anteprime Allegati
Clicca sull'immagine per ingrandirla

Nome: lante della rovere 1.jpg‎
Visite: 147
Dimensione:  135,0 KB
ID: 2628  
Abriga.it non  è collegato   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum

Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 18:58.


Powered by vBulletin® versione 3.8.8
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Tutto il materiale presente in questo sito è © di abriga.it All rights reserved