Collaboratori
Contatti
Approfondimenti
Personaggi
Poesie
Murales
Dialetto
Forum
Webcam
Immagini
Video
Home
   

Torna Indietro   Abriga.it il giornale quotidiano online di Aprica e della provincia di Sondrio > Forum liberi > Generale

Generale Il forum per discutere di tutto

Rispondi
 
Strumenti Discussione ModalitÓ Visualizzazione
Vecchio 27-01-15, 18:48   #1
elisabetta polatti
Utente
 
L'avatar di elisabetta polatti
 
Data Registrazione: 14-11-10
LocalitÓ: APRICA
Messaggi: 14
Predefinito This Must Be the Place, un film di Sorrenti per la giornata della Memoria

Un grazie anzitutto ad un' amica che mi ha spinto a cercare il film di Sorrentino e a vederlo per condividerne il commento .
Anzitutto dico che Ŕ un lavoro splendido e che la lentezza, da alcuni contestata , va di pari passo con la profonditÓ che solo l'intervallo, il silenzio riescono a far emergere. E' infatti proprio nell'intervallo che il regista gioca l'incontro con il pubblico , Ŕ lý che il film si riempie di risonanze e significati .
Le chiavi di lettura le ho trovate negli spazi, nel non detto ,nel tono e certamente anche nel senso di alcune frasi dette dal protagonosta che hanno vibrato in me.
Sorrentino ce lo presenta come individuo originale , una rok star ,e utilizzando la tecnica dell'estraniazione,lo fa parlare come se lui non appartenese a quella realtÓ E' proprio grazie questo suo modo che riuscirÓ ad aprire tutte le porte del silenzio sapendo entrare in empatia con coloro cui va incontro
Grazie alla magnifica recitazione queste frasi risuonanoin noi , dietro la loro apparente banalitÓ ,come vertÓ ben scolpite, pillole di saggezza nude : "la paura ti protegge sempre ,ma almeno una volta devi avere coraggio di scegliere e ancora "non so nulla di mio padre ,non lo vedo da 30 anni ..perchŔ un giorno decisi che non mi voleva bene"
"solo i bambini non fumano ,la guerra non avrÓ mai fine" detta dall'amico cercatore di nazisti e altre che ora mi sfuggono .
Il finale chiude il cerchio di un percorso nella memoria verso la ricomposizione di una identitÓ negata simboleggiato dal progressivo sfaldarsi del trucco pesante del mascheramento , simbolo di una generazione ribelle di cui una parte Ŕ stata ingoiata dal mondo degli affari e l'altra che Ŕ ombra di se stessa poichŔ ha rinunciato a crescere, ad accettarsi a credere nel proprio valore .
Il finale con il ritrovamento dell'aguzzino nazista del padre , risove i conflitti ,l'angoscia, la colpa, l'infamia con la presa di coscienza : con clik della foto, lui prende atto che la colpa e la pena Ŕ del colpevole, che abbraccia la sua parte nera andando al di lÓ dello steccato ,nudo in mezzo alla neve.
Il figlio si Ŕ liberato dell'ossesione inconscia di un padre , ha accettato la Storia ,ora ha rotto con il ribellismo, con l'apatia; Ŕ diventato adulto, ha scelto di esere un uomo nuovo, senza pi¨ maschera , ha chiuso con il passato abbracciandone le ombre.La pistolacon cui voleva vendicare le brutalitÓ subite dal padre nel lager , non gli Ŕ servita ,il cerchio della vendetta si Ŕ chiuso in modo inaspettato.

La sigaretta condivisa con uno sconosciuto,mentre sono appoggiati di schiena alla ringhiera di un ponte ,segna la conquista del presente e il superamento del passato.

Elisabetta Polatti Sabe

Ultima modifica di elisabetta polatti : 27-01-15 alle ore 18:59
elisabetta polatti non  Ŕ collegato   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
ModalitÓ Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB Ŕ Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] Ŕ Attivato
Il codice HTML Ŕ Disattivato

Vai al Forum

Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 14:16.


Powered by vBulletin® versione 3.8.8
Copyright ©2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Tutto il materiale presente in questo sito Ŕ ę di abriga.it All rights reserved