Menu di navigazione

 
Parabola dei cattivi vignaioli Mc 12/1-19

An om, là piantat ina uigna. Al là scesada, al ghà scauat atóran an frantoi, là custruit ina tóor, là dac tüt an afic` ai famei e le partit par a viac`. Cun al tep al manda an so famei a scöt la part chà frütat la uigna. Ma qui i là ciapat a boti e i là rimandat a ma óidi. Ilóra al padrù al nà a mamda in ótar di só famei, ma quii i ga spacat la crapa da boti e dic` da ogni culö e rimandat a lü. Al nà mandat an ótar e a quèl i là fac fo. Stèsa roba a par tac dotar. Stèsa fi. Al ghan restaua amò ün, al so fiöl predilèt e al là mandat par ültim pensando: i rispeterà al mè fiöl. Quii famei nveci i sa dis lün cun lotar: Quèst le lerede! Uignin, mal cópa e leredità la sarà nosa! .I la ciapa, i la cópa e i la trà fo da la uigna. Chal farà al padrù da la uigna? Al uegnarà, al sterminarà i famei e al ga darà la uigna a dótar.

di Luisa Moraschinelli

Ritorna alla pagina precedente
Abriga.it nasce come portale della cultura, delle tradizioni, delle bellezze paesaggistiche del territorio di Aprica.
Nelle pagine si potrà trovare tutto ciò che ha attinenza con la nostra storia, ma anche con l'attualità.
Pagina creata in: 0.004 sec
Tutto il materiale in questo sito è © 2004-2018 di Abriga.it C.F. 92022100140 Informativa legale

All rights reserved