Visualizza Messaggio Singolo
Vecchio 21-02-13, 15:41   #1
Luisa
Utente
 
L'avatar di Luisa
 
Data Registrazione: 27-02-05
Messaggi: 288
Predefinito Gruppo Procostume della Valposchiavo al Sunà da Mars d'abriga

Il “Gruppo pro costume “della Valposchiavo al “Sunà da mars” d’Aprica

Anche quest’anno, come da diverse edizioni, il gruppo “Procostume della Valposchiavo” partecipa alla tradizionale serata del “Sunà da mars” d’Aprica. Una vecchia tradizione che si perde nella nostra memoria dove la gente del paese si raduna nella serata e a forza di scampanellate con campanacci di ogni genere, intende richiamare l’erba dopo i lungo riposo dell’inverno. Un tempo, come da miei ricordi, la gente delle contrade era impegnata per tre giorni. I giovani andavano per le case a raccogliere farina, formaggio, salsicce e il terzo giorno i contradaioli, si davano battaglia a chi riusciva a mettersi in testa al corteo e alla fine sulla piazza consumavano il così detto – mach -, consistente in polenta, salsicce, formaggio e vino.
E’ quello che si fa ancora oggi, anche se limitato a una sola serata che sarà il prossimo 28 corr….
Nelle edizioni moderne, usano invitare gruppi dei paesi vicini e siamo contenti di vedere, fra questi anche quelli di Poschiavo, che possiamo considerare – vicini – a fare sfoggio del loro bel costume.
Per l’occasione mi permetto di aggiungere la poesia qui allegata, scritta nel dialetto d’Aprica che poi è il primo mio scritto in dialetto locale, nato proprio in una edezione del “Sunà da mars” del lontano 1980 ca.
L.M.
„sunà da mars“
I gh’era tüc´ an quèla sera a sunà da mars,
òm e fómmni cun li ciochi e li tórci,
giuinoc´ cun li brónzi al col,
tzetasc´e tzetasci cun i sampógn.
Da sampieru al dos,
da gió an abriga a mauigna
sóta an ciel da lüna piena,
´l-rimbumbaua an da l’aria´n-nà müsica,
da desfà fo l’erba e fa tremà la tera.
Üna ´nsolita prucesüu,
piena d’alegria par la nosa get,
e cuntet al furester,
prima al uardaua e pu al uignia dré.
A la fì, al cap spurtiv,
la pulènta, an di culderac´, ca la fümaua,
e sü i tau, ´n-longhi fili, li lüganaghi,
d’ès seruidi ´n-di piac´, ca li speciaua.
Gh’an era par tüc´,
par sciór e puarèc´,
che, cun al bicerot an mà, i mangiaua:
pulènt, lüganaghi e furmai uèc´.

Luisa Moraschinelli/da Poschiavo.
Luisa non  è collegato   Rispondi Citando