Collaboratori
Contatti
Approfondimenti
Personaggi
Poesie
Murales
Dialetto
Forum
Webcam
Immagini
Video
Home
   

Torna Indietro   Abriga.it il giornale quotidiano online di Aprica e della provincia di Sondrio > Le poesie > Al nos dialét

Al nos dialét Le poesie in dialetto Valtellinese

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 04-02-06, 07:34   #1
Luisa
Utente
 
L'avatar di Luisa
 
Data Registrazione: 27-02-05
Messaggi: 288
Predefinito

„sunà da mars“

Sunà da mars è la ormai convalidata festa popolare di fine inverno e inizio primavera all’Aprica. Manifestazione che si perde nei tempi. Sicuramente di origine pagana in quanto non ha nessun allaccio con feste e consuetudini religiose. Lo scopo, è di richiamare l’erba dal lungo sonno invernale e per questo fine si usano i campanacci delle proprie bestie che nell’era contadina avevano grande parte nella vita comune dell’uomo. Personalmente ricordo (e sono sicuramente fra i pochi) le originali edizioni d’ante guerra che duravano tre giorni e nel giro con i campanacci impegnava solo ragazzi e uomini, mentre nella serata conclusiva, a consumare il – mach- (cena all’aperto) c’era tutta la popolazione. Nel dopo guerra, dopo lungo tempo lontana all’estero, mi sono trovata una sera a rivivere questa vecchia tradizione in paese. Una sera dal cielo stellato, con la partecipazione di tutta la gente che in corteo percorreva tutte le contrade da San Pietro all’Aprica bassa; nell’aria quella strana musica di campanacci intercalata dal suono del corno di chi conduceva il corteo; i turisti che guardavano estasiati e poi si accodavano e alla fine la consumazione del – mach – consistente in polenta, salcicce e formaggio accompagnati dal bicchiere di vino. Una sensazione eccezionale che non ho potuto esprime diversamente che con la mia – lingua madre – il dialetto. Così da quella particolare circostanza,i è nata la mia prima poesia in dialetto (che poi apparirà per diverse annate sulla locandina della manifestazione). La ripropongo:

Sunà da mars

I gh’era tüc´ an quèla sera a sunà da mars,
òm e fómmni cun li ciochi e li tórci,
giuinoc´ cun li brónzi al col,
tzetasc´e tzetasci cun i sampógn.

Da sampieru al dos,
da gió an abriga a mauigna
sóta an ciel da lüna piena,
´l-rimbumbaua an da l’aria´n-nà müsica,
da desfà fo l’erba e fa tremà la tera.

Üna ´nsolita prucesüu,
piena d’alegria par la nosa get,
e cuntet al furester,
prima al uardaua e pu al uignia dré.

A la fì, al cap spurtiv,
la pulènta, an di culderac´, ca la fümaua,
e sü i tau, ´n-longhi fili, li lüganaghi,
d’ès seruidi ´n-di piac´, ca li speciaua.

Gh’an era par tüc´,
par sciór e puarèc´,
che, cun al bicerot an mà, i mangiaua:
pulènt, lüganaghi e furmai uèc´

@Luisa Moraschinelli
(Aprica marzo 1980-2006)

Luisa non  è collegato   Rispondi Citando
Rispondi

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum

Discussioni Simili
Discussione Autore Discussione Forum Risposte Ultimo Messaggio
"sunà Da Mars " (prima Poesia In Dialetto D'aprica Luisa Al nos dialét 0 24-02-07 07:05
Mars Luisa Al nos dialét 0 01-03-06 07:53

Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 12:39.


Powered by vBulletin® versione 3.8.8
Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Tutto il materiale presente in questo sito è © di abriga.it All rights reserved